Separati in casa:
sei spot originali su raccolta differenziata, littering e stili di vita sostenibili.

Ambiente e famiglia, la vita quotidiana di una giovane coppia alle prese con i soliti dubbi sulla raccolta differenziata. Una miniserie di sei episodi di pochi minuti l’uno è la nuova campagna di comunicazione di Serveco.

Lui, geloso, interpreta male alcuni atteggiamenti della giovane moglie, che in realtà ha in serbo per lui ben altre sorprese, che si sveleranno solo alla fine dell’episodio. Se l’intreccio della storia prosegue per tutti e sei gli spot, in ognuno di essi si risolve un problema pratico, e il valore del messaggio comunicato è moltiplicato dall’incrocio tra la narrazione verticale e quella orizzontale.

Leggi l’articolo sulla nuova campagna di comunicazione Serveco

Separati in casa: “I giorni dell’umido” [Ep. 1/6]

Buone pratiche di educazione ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti.

Oltre il 30% dei rifiuti prodotti quotidianamente da ogni famiglia è costituito da scarti alimentari e vegetali. Con la raccolta differenziata è possibile “separare” anche questo tipo di rifiuto.

Separati in casa: “La tazzina in più” [Ep. 2/6]

Buone pratiche di educazione ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti.

C’è vetro e vetro. Perché alcuni oggetti, che istintivamente butteremmo nell’apposito contenitore per la raccolta del vetro, hanno in realtà un’altra destinazione.

Separati in casa: “L’ultima sigaretta” [Ep.3/6]

Buone pratiche di educazione ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti.

E’ risaputo ormai che fumare fa male alla nostra salute e a quella di chi ci sta intorno, ma è bene sapere che questa cattiva abitudine è anche sinonimo di inciviltà e fa malissimo al nostro ambiente. Pertanto non abbandoniamo le cicche per terra, usiamo i cestini.

Separati in casa: “Cos’hai comprato?” [Ep.4/6]

Buone pratiche di educazione ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti.

Dopo una bella giornata di shopping o semplicemente dopo aver fatto la spesa ci ritroviamo con scontrini fiscali, bilgietti dell’autobus o ricevute del Bancomat che spontaneamente buttiamo nel contenitore della carta. Ma è sbagliato. Ricordiamo che sono fatti con una carta speciale i cui componenti reagiscono al calore, creando problemi di riciclo. Ecco perchè vanno buttati necessariamente nel secco residuo.

Separati in casa: “Se telefonando…” [Ep.5/6]

Buone pratiche di educazione ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti.

Separati in casa: “L’amore infine” [Ep.6/6]

Buone pratiche di educazione ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti.